Appendice sull' arte e la tecnica visiva Elettronica di Claudio Castelli

Premessa:
 
Può un' opera concepita per essere rappresentata su uno schermo essere considerata arte?
 
Può un pezzo di carta con sopra dell' inchiostro essere considerato arte?
 
Potrà essere una magnifica poesia : in questo caso SI
 
Potrà essere il vostro conto della spesa : in questo caso NO (poi, beh, non mi stupirei che qualcuno invece potesse un giorno, decontestualizzandolo, chiamarlo degno di tale nome, seguendo qualche bizzarro filone dell' arte contemporanea).
 
Non voglio dilungarmi sulla differenza , o non differenza fra arte e tecnica, sui vortici Shellinghiani, sul concetto d' arte nel romanticismo, sul concetto greco “tekne”.
 
Tratterò in questa breve appendice dell' Arte Elettronica, e delle Tecniche associate ad essa.
 
Perché Arte e Tecnica? Perché i due campi si incrociano continuamente : da un esperimento artistico, possono nascere tecniche che verranno usate in contesti commerciali, una tecnica usata invece normalmente in applicazioni commerciali, potrà essere impiegata in una moltitudine di applicazioni artistiche.
 
Visto che siamo nel contesto del “Futurismo Elettronico”, iniziamo con questo breve passo: