Foto dal telefonino

La migliore macchina fotografica è quella che hai con te..

Questo è quanto diceva Chase Jarvis nel titolo del suo libro.

La cosa buona dei telefoni, è che, essendo necessari per essere rintracciati, sono sempre con te.

E da qui nascono foto che sarebbe stato impossibile scattare altrimenti, se non con gli occhi della memoria.

Gli smartphone hanno un sensore molto piccolo,  questo comporta che:

nelle foto ai paesaggi, tutto è a fuoco..

nelle macro, il soggetto si distingue e si mette a fuoco facilmente.

Si comportano decentemente anche in altre situazioni, grazie ai software disponibili , molto buoni per l’ editing ed il fotoritocco.

A me personalmente piace molto Snapseed e Afterfocus.

Alcuni telefoni più moderni, usano 2 macchine fotografiche contemporaneamente, per simulare la profondità di campo.

Il mio ne ha solo una, ma ha una comoda funzione per creare lo stesso effetto scattando due fotografie e unendole, bisogna solo avere la mano ferma.

Rispondi